A R R I V A T I !

Il furgone col carico di aiuti raccolti a Cinisello a partire da martedì 14 aprile, destinato alle popolazioni colpite dal sisma in Abruzzo, è arrivato a destinazione.

Partito da Cinisello con i suoi 450 kg. di pasta-latte-pannolini-riso-biscotti-ecc., dopo aver fatto tappa a Cornaredo per caricare i generi raccolti dal circolo locale assieme a quelli di Bareggio e Settimo, il mezzo è infine giunto domenica nel primo pomeriggio a Pescara.

Lì i dieci quintali di carico complessivo sono stati scaricati  nel magazzino che i compagni della federazione abruzzese ha attrezzato come punto-raccolta: da qui partirà immediatamente alla volta degli Spacci Popolari allestiti da Rifondazione in alcune tendopoli (ad esempio a Tempera).

Ringraziamo tutte le cittadine e i cittadini di Cinisello Balsamo per il loro aiuto e la  loro grande generosità.

Di seguito una serie di immagini scattate da Giacomo Manfredi, segretario del Circolo di Cornaredo, a testimoniare l’evento. 

Per ulteriori informazioni, immagini, resoconti, iniziative delle Brigate di Solidarietà Attiva organizzate da Rifondazione Comunista: 

www.diariodallabruzzo.org

29 aprile 2009 at 10:22 1 commento

PARTITI!

img_0084Sabato 25 aprile è partito dal Circolo “Che Guevara” di Cinisello B., il carico di aiuti destinato alle popolazioni vittime del terremoto in Abruzzo.

Prima tappa, Cornaredo, dove sono stati caricati i frutti della raccolta intrapresa dai compagni del circolo locale, poi dritti verso l’Abruzzo.

A Pescara, il materiale sarà consegnato nelle mani dei compagni della Federazione PRC, quindi smistato, in base alle esigenze, ai diversi centri colpiti dal sisma.

Nei dieci giorni di raccolta nell’ambito dell’iniziativa “Cinisello per l’Abruzzo”, i nostri concittadini hanno dimostrato generosità e vicinanza alle popolazioni abruzzesi.

Qualche dato:

– 125 kg di pasta

– 62 kg di pannolini per bambini

– 72 l di latte a lunga conservazione

– 3 scatoloni di materiale per l’igiene personale

Per visionare l’elenco completo del materiale raccolto dal Circolo di Cinisello e inviato in Abruzzo, clicca qui

In attesa delle foto della consegna del materiale in Abruzzo, qualche immagine del carico in partenza.

27 aprile 2009 at 09:42 Lascia un commento

A CHE PUNTO SIAMO?

rifondazione_logo1L’iniziativa Cinisello per l’Abruzzo, promossa dal Circolo PRC “E. Che Guevara” di Cinisello Balsamo, ha preso il via martedì 14 aprile. In questi giorni il circolo è rimasto aperto come centro-raccolta, ricevendo il contributo concreto di numerosi concittadini.

Sabato 18, invece, diversi militanti del circolo hanno presidiato l’ingresso di due supermercati cittadini, informando dell’iniziativa di solidarietà i clienti, che hanno contribuito in maniera sostanziosa alla raccolta di generi da destinare alle popolazioni dell’Abruzzo.

La raccolta prosegue presso il circolo, mentre si stanno organizzando i preparativi della partenza con il carico per l’Abruzzo, prevista probabilmente per sabato 25 aprile.

L’iniziativa è destinata a continuare, contestualmente con il perdurare dell’emergenza in Abruzzo.

A seguire una galleria di immagini del materiale raccolto, in giacenza presso il circolo.

 

 

21 aprile 2009 at 09:34 Lascia un commento

ABRUZZO: PUNTO DELLA SITUAZIONE

Prosegue incessante l’impegno di solidarietà attiva di Rifondazione Comunista.

  • Da sabato sera abbiamo installato una nostra cucina anche a Camarda, paese che giustamente lamentava carenza di soccorsi.
  • Rifondazione al momento ha montato e gestisce, in coordinamento con la Protezione Civile, le cucine nei due campi di San Biagio (Tempera) e Camarda per circa un migliaio di sfollati (stimato il 6% circa della popolazione totale dei campi).
  • Su Pescara sono stati attivati 10 magazzini per lo stoccaggio degli aiuti e da domani se ne aggiungerà un altro da 1000 metri quadri.
  • Almeno 40 volontari a rotazione si alternano a Pescara nei vari magazzini in turno dalle 8,30 alle 22 tutti i giornoi compresi Pasqua e Pasquetta.
  • Sono stati attivati altri punti di raccolta nelle nostre sedi di Chieti, Teramo, Giulianova, Città S.Angelo, Cepagatti, Spoltore, Loreto Aprutino, Manoppello, Sambuceto, San Vito Chietino e in numerosi altri piccoli centri.
  • Stiamo garantendo la presenza giornaliera di almeno 40/50 volontari sui campi dove operiamo.
  • 7/8 furgoni ogni giorno fanno la spola tra i nostri depositi di Pescara e le aree del sisma rifornendo i nostri campi e anche le varie tendopoli dei piccoli centri.
  • 3 furgoni si muovono sulla costa per rifornimenti agli sfollati negli alberghi o nelle case vacanze.
  • La sede regionale di Pescara sta funzionando dal primo giorno come centro di coordinamento, aperto dalle 8,30 fino a notte, raccogliendo richieste, segnalazioni, disponibilità solidali ai numeri 085/66788 e 085/61106.
  • Finora sono arrivati circa 100 furgoni da ogni angolo d’Italia in tutte le ore della notte con aiuti raccolti dalle federazioni di Rifondazione, da associazioni e gruppi spontanei.
  • Centinaia di persone hanno donato viveri ed indumenti in questi giorni portandoli nelle nostre sedi (a Pescara presso il circolo Gramsci di Piazza Grue).
  • Abbiamo ricevuto decine e decine di lettere e mail di solidarietà da associazioni di ogni genere, dalle cooperative di ex-detenuti agli ultras di varie città italiane.
  • Ai nostri telefoni sono state raccolte centinaia di offerte di volontariato per le prossime settimane e la disponibilità di centinaia di posti letto – appartamenti e stanze in Abruzzo e nel resto d’Italia che stiamo smistando a chi ne fa richiesta.

Ringraziamo tutte le persone che si stanno mettendo a disposizione, dalle decine di animatori pronti per il nostro asilo popolare ai diversi gruppi musicali e teatrali pronti ad animare i campi e, in particolare, le tante aziende che ci hanno contattato per offrire materiali di ogni genere.

Marco Fars, segretario regionale Abruzzo PRC

Maurizio Acerbo, consigliere regionale Abruzzo  PRC

IMMAGINI DAL CAMPO DI SAN BIAGIO

16 aprile 2009 at 14:39 Lascia un commento

NO ALLE COLLETTE INUTILI

Ricostruire sì, ma come? No alle collette inutili

di Paolo Hutter e Guido Viale

71014_moneyhappiness_vl-verticalDopo il disastro annunciato dell’Abruzzo, prima dei prossimi disastri annunciati diciamo basta all’esagerazione edilizia, alle costruzioni sregolate, al mito dell’aumento delle cubature. Le risorse pubbliche e private devono essere prioritariamente dedicate a mettere in sicurezza edifici pubblici e privati, a fargli risparmiare energia e ove possibile produrne coi pannelli. Questa è la prima opera pubblica necessaria del paese. Fermare le spese inutili o non prioritarie come il Ponte sullo Stretto la Tav al Frejus le nuove autostrade. Le banche diano la priorità al risanamento edilizio energetico e antisismico e non agli ampliamenti edilizi e tantomeno ai grattacieli.

Non parteciperemo a nessuna colletta in soldi per l’Abruzzo , perchè lo Stato ha il dovere di assistere gli sfollati e deve avere il coraggio di tassarci se c’è bisogno, e di fermare le spese inutili che abbiamo detto, e altre come i cacciabombardieri.

Poco fa (8 aprile pomeriggio) Berlusconi che detto che non occorrono più vettovaglie e materiale, caso mai soldi. Certo farebbe comodo al governo non modificare i propri programmi economici perchè mezzo miliardo di euro gli arriva dalla commozione popolare.. Anche per quanto riguarda la Casa dello Studente, che rettori e collettivi studenteschi han proposto di ricostruire con sottoscrizioni popolari, il Ministero della Pubblica Istruzione ha stanziato i fondi. Come al solito i problemi più gravi sono per chi non è nel cono di luce dell’attenzione del momento. Pensiamo per esempio a chi vive in una vecchia casa in zona sismica e ha perso il lavoro e non ha i soldi per mettere in sicurezza l’edificio.

Volontariato e ospitalità sì, sono risorse non monetizzabili, sono scambio umano e sociale. Ma soldi ne daremo – e suggeriamo di darli –  solo alle associazioni e formazioni politiche che si battano per gli obiettivi  di sostenibilità che abbiamo indicato.

15 aprile 2009 at 09:06 Lascia un commento

AGGIORNAMENTO DAI CAMPI ACCOGLIENZA

Continua a pieno ritmo l’azione di solidarietà di Rifondazione comunista nei confronti delle popolazioni abruzzesi colpite dal terremoto. E’ stato aperto un asilo popolare per far giocare e divertire i bambini del campo sfollati di Tempera e l’appello alle maestre e agli operatori sociali è quello di offrire la loro disponbilità ad animarlo. La cucina da campo messa in funzione e operativa in località Tempera, nei pressi dell’Aquila, ha sfornato circa 700 pasti sia a pranzo che a cena si è trasferita in località San Biagio per continuare la sua opera in quel campo sfollati, sostituita da oggi a Tempera dall’arrivo di una cucina più grande delle Misericordie.

Sono 6/7 al giorno i furgoni che raccolgono cibo, indumenti, materiale igienico presso i diversi centri di raccolta organizzati dalla Federazione abruzzese del Prc e che da Pescara vengono smistati nei centri di accoglienza di Tempera e di Centi Colella, dove sono stati convogliati ieri due furgoni su richiesta della Protezione civile.

Le Brigate di solidarietà attiva del Prc garantiscono dunque sia la distribuzione di pasti che la raccolta e distribuzione di approvigionamento per viveri e indumenti.

15 aprile 2009 at 08:45 Lascia un commento

RIFONDAZIONE PER L’ABRUZZO: UN PRIMO BILANCIO

mainpic1Riassumiamo i primi numeri della solidarietà attiva di Rifondazione Comunista.

Rifondazione al momento ha montato e gestisce le cucine nei 2 campi di San Biagio (Tempera) e Camarda per circa un migliaio di sfollati.

Su Pescara sono stati attivati 10 magazzini per lo stoccaggio degli aiuti. Almeno 40 volontari a rotazione si alternano a Pescara nei vari magazzini in turno dalle 8,30 alle 22 tutti i giorni compresi Pasqua e Pasquetta.

Stiamo garantendo la presenza giornaliera di almeno 40/50 volontari sui campi dove operiamo.
7/8 furgoni ogni giorno fanno la spola tra i nostri depositi e le aree del sisma rifornendo i nostri campi e anche le varie tendopoli dei piccoli centri.
Tre furgoni si muovono sulla costa per rifornimenti agli sfollati negli alberghi o nelle case vacanze.

La sede regionale di Pescara sta funzionando dal primo giorno come centro di coordinamento, aperto dalle 8,30 fino a notte, raccogliendo richieste, segnalazioni, disponibilità solidali.

Chi volesse rendersi utile come volontario per i campi in allestimento può chiamare lo 085.66788 Chiediamo a coloro che sono interessati, l’autosufficienza in termini di vitto e alloggio (tenda da campo o altro)

Chi è disponibile ad ospitare persone e famiglie sfollate può chiamare lo 085.61106

Finora sono arrivati circa 100 furgoni da ogni angolo d’Italia in tutte le ore della notte con aiuti raccolti dalle federazioni di Rifondazione, da associazioni e gruppi spontanei.

Abbiamo ricevuto decine e decine di lettere e mail di solidarietà da associazioni di ogni genere, dalle cooperative di exdetenuti agli ultras di varie città italiane.

Ai nostri telefoni sono state raccolte centinaia di offerte di volontariato per le prossime settimane e la disponibilità di centinaia di posti letto – appartamenti e stanze in Abruzzo e nel resto d’Italia che stiamo smistando a chi ne fa richiesta.

 

14 aprile 2009 at 08:44 Lascia un commento

Articoli meno recenti


Dove siamo

Via Marconi, 43 - Cinisello Balsamo (MI)
maggio: 2017
L M M G V S D
« Apr    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031